Screenshot_20190517-180546_1

Alimentare, approvate le piattaforme di rinnovo dei Ccnl industria e cooperazione

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare

Comunicato stampa unitario

L’Assemblea nazionale delle delegate e dei delegati di Fai, Flai e Uila ha

approvato all’unanimità le Piattaforme di rinnovo dei Ccnl industria e cooperazione alimentare, in scadenza il prossimo 30 novembre, che interessano circa 450 mila lavoratrici e lavoratori, per i quali sono stati chiesti un aumento salariale di 205 euro nel quadriennio e misure innovative in materia di welfare, relazioni industriali e organizzazione del lavoro.

Screenshot_20190517-180546_1 Per quanto riguarda le relazioni industriali, Fai, Flai e Uila chiedono l’avvio di percorsi volti a introdurre forme di partecipazione alle scelte strategiche delle imprese.

Le piattaforme chiedono pari diritti e tutele per tutte le lavoratrici e i lavoratori che svolgono la loro attività all’interno dello stesso perimetro aziendale, considerando le aziende alimentari come vere e proprie “comunità di sito”.

Sull’organizzazione del lavoro, le piattaforme dedicano ampio spazio al tema delle competenze, proponendo almeno 8 ore di formazione continua annua per tutto il personale.
Si chiede inoltre l’ampliamento a tutte le forme di contratti a termine del diritto di precedenza alla riassunzione e misure volte a favorire il ricambio generazionale.

Le piattaforme chiedono inoltre una riduzione dell’orario di lavoro per chi è impiegato in turnazioni a forte flessibilità e norme per regolamentare il diritto alla disconnessione per chi è in smart working e telelavoro. Particolare attenzione è stata poi dedicata al tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, con la richiesta, tra l’altro, di incrementare di 8 ore annue le agibilità sindacali degli RLS e istituire una giornata dedicata a queste tematiche.

Diverse le novità anche sulla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, con la richiesta di 16 ore di permesso retribuito per assistere i figli in caso di malattia, il prolungamento fino a 24 mesi dell’astensione dal lavoro notturno per le lavoratrici madri e 15 giorni di permesso retribuito per i neo papà. Infine, le piattaforme propongono di potenziare il sistema di assistenza sanitaria integrativa, previdenza complementare, assistenza alla maternità/paternità e assicurazione in caso di decesso sui luoghi di lavoro. “Con queste piattaforme vogliamo incrementare le tutele, migliorare le condizioni di vita e di lavoro e redistribuire adeguatamente la ricchezza che in questi anni è stata prodotta dal comparto alimentare”, dichiarano i Segretari Generali Onofrio Rota (Fai Cisl), Giovanni Mininni (Flai Cgil), Stefano Mantegazza (Uila Uil). “Porteremo avanti le nostre proposte con convinzione, confortati del consenso dei lavoratori che rappresentiamo, augurandoci un rapido avvio delle trattative che consenta di rinnovare i contratti entro la data naturale di scadenza”.

Roma, 17 maggio 2019

Ringraziamenti

Elezioni RSU PASTA ZARA di Muggia (TS) Ottimo Risultato della FAI CISL del Friuli Venezia Giulia

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare



Desideriamo ringraziare, le Lavoratrici ed i Lavoratori che hanno espresso il loro voto di preferenza verso la FAI CISL e/o verso i propri Candidati, facendo così ottenere un ottimo risultato nelle elezioni svoltesi nei giorni 14 e 15 maggio u.s. dove la FAI CISL FVG ha conseguito 76 preferenze su 124 votanti, aggiudicandosi così 2 RSU su 4.

Ringraziamenti Il risultato ottenuto dalla FAI CISL FVG, ha permesso la riconferma di:
– DILAURO MARCO
– KOBLAR MITJA
che sono stati tra tutti i candidati, quelli che hanno conseguito maggiori preferenze:
rispettivamente 38 e 15 voti, a riconoscimento del lavoro svolto con passione, dedizione e professionalità nel precedente mandato.

Positiva anche l’alta partecipazione delle maestranze: infatti l’affluenza ha sfiorato l’82% degli aventi diritto al voto.

Il riscontro elettorale verso la FAI – afferma Claudia Sacilotto, segretaria generale della Fai Cisl Fvg – è per noi il riconoscimento per la costante presenza in azienda dei nostri delegati e del nostro operatore Marco Savi, della buona contrattazione sviluppata in questi anni e non ultimo, della tutela occupazionale verso tutti i lavoratori del sito di Muggia.

Dilauro Marco e Koblar Mitja, assieme alla Segreteria FAI CISL FVG, avranno il compito di proseguire con impegno e coerenza, l’operato sindacale che finora ha contraddistinto la squadra FAI CISL FVG all’interno di Pasta Zara, in un momento particolare contrassegnato dal cambiamento. Un sentito ringraziamento inoltre a tutti i Candidati della FAI CISL che si sono messi in gioco ed a disposizione della nostra Organizzazione, infine ai Componenti la commissione elettorale che con perizia ed impegno han condotto le operazioni di voto.

Claudia Sacilotto – Marco Savi
FAI CISL Friuli Venezia Giulia

P_20190507_095651_1

ATTIVO UNITARIO REGIONALE del Friuli Venezia Giulia Delegati Industria alimentare e Cooperazione alimentare

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare

IMG-20190507-WA0004 Si sono incontrati a Palmanova oltre 60 Delegati sindacali, tra RSU e RSA, di FAI-Cisl FLAI-Cgil e UILA-Uil occupati nelle Aziende dell’Industria alimentare e Cooperazione alimentare della nostra regione per approvare le ipotesi di piattaforma licenziate a livello nazionale unitario in febbraio u.s. e presentate nei luoghi di lavoro nel corso di circa 50 assemblee.

I lavori della giornata, presieduti da Claudia Sacilotto segretaria regionale della FAI CISL, sono stati aperti dalla relazione introduttiva di Pier Paolo Guerra segretario regionale della Uila Uil che ha dato gli spunti per l’ampio dibattito che ne è seguito.

IMG-20190507-WA0006 Oltre a salario e welfare, le piattaforme affrontano temi importanti, quali: relazioni industriali, appalti, organizzazione del lavoro e sviluppo professionale, mercato del lavoro e formazione professionale, orario e salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, conciliazione tempi di vita e lavoro e, non ultimo la staffetta generazionale in considerazione che il 25% degli occupati nel settore ha un’età anagrafica superiore ai 54 anni.

La richiesta economica, € 205 a parametro 137 che equivale a € 149 al 6^ e ultimo livello del ccnl, mira non solo a tutelare il potere di acquisto delle lavoratrici e lavoratori ma anche a redistribuire la ricchezza prodotta nel settore con l’auspicata conseguenza di incrementare la capacità di spesa ed il rilancio dei consumi interni.

L’industria alimentare si conferma primo settore manifatturiero del Paese per fatturato globale, 140 miliardi di €, e secondo per numero di imprese con quasi 57mila e circa 450mila addetti e la prima filiera del made in Italy; mentre nella nostra regione le imprese sono circa 1.100 con 8.200 addetti.

Nelle conclusioni affidate a Ivano Gualerzi, il Segretario nazionale della Flai Cgil ha ripercorso i tanti punti contenuti nella piattaforma soffermandosi sull’importanza e rafforzamento dei CCNL. Proprio in questo periodo che si riparla di salario minimo, conclude Gualerzi, c’è urgenza di rafforzare i CCNL confederali, a discapito di centinaia di contratti pirata che di fatto tolgono diritti e salario a migliaia di persone.

L’attivo unitario si è concluso con l’approvazione all’unanimità delle piattaforme, degli emendamenti emersi lungo il dibattito e dei nove Delegati che parteciperanno all’Assemblea nazionale, in programma il 16-17 maggio 2019 a Roma, per l’approvazione definitiva della stessa che verrà successivamente inviata alle controparti entro il corrente mese.

Claudia Sacilotto
Segretaria reg.le FAI Cisl FVG

Fabrizio Morocutti
Segretario reg.le FLAI Cgil FVG

Pier Paolo Guerra
Segretario reg.le UILA Uil FVG



Printer Thin Line Vector Icon Isolated on the White Background. Scarica il Comunicato stampa
CCNL

Attivo unitario Quadri sindacali per presentazione ipotesi di piattaforma rinnovo CCNL Industria Alimentare e Cooperative trasformazione

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare

E’ stato convocato in data MARTEDI’ 7 MAGGIO 2019 l’ATTIVO UNITARIO REGIONALE dei Delegati del Friuli Venezia Giulia.

L’iniziativa si svolgerà a Palmanova presso il Meeting Point San Marco (via Scamozzi 5) alle ore 9.30 e servirà a fare la sintesi delle tante assemblee convocate nei luoghi di lavoro ed a presentare eventuali emendamenti alle bozze di piattaforme approvate a livello nazionale unitariamente in data 15 febbraio 2019. Sarà anche l’occasione per eleggere unitariamente i NOVE Delegati che parteciperanno all’Assemblea nazionale che si terrà a Roma nei giorni 16 e 17 maggio p.v.

Questo il programma dei lavori:
– presiede: Claudia Sacilotto, Segretaria regionale FAI CISL del FVG
– relazione introduttiva: Pier Paolo Guerra, Segretario regionale UILA UIL del FVG
– dibattito aperto a tutti i Delegati;
– chiude i lavori: Ivano Gualerzi, Segretario nazionale FLAI CGIL.

Claudia Sacilotto
Segretaria reg.le FAI Cisl FVG

Fabrizio Morocutti
Segretario reg.le FLAI Cgil FVG

Pier Paolo Guerra
Segretario reg.le UILA Uil FVG



Printer Thin Line Vector Icon Isolated on the White Background. Convocazione
INFORTUNIO

Grave infortunio in Quality Food: vicinanza al giovane Lavoratore e alla sua famiglia

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare

Come a Vostra conoscenza, ieri è purtroppo accaduto un grave infortunio sul lavoro in Quality che ha coinvolto un giovane lavoratore M.T di ventotto anni. Sul posto dell’incidente sono immediatamente intervenuti i colleghi che hanno prestato i primi soccorsi, i quali hanno prontamente chiesto l’intervento dei sanitari del 118. Il giovane è stato portato d’urgenza in ospedale a Udine per essere poi trasferito presso il nosocomio di Pordenone dove ha subito un delicato intervento chirurgico.

In seguito, in azienda, sono giunti i Carabinieri di Martignacco, i Vigili del fuoco e gli Ispettori del lavoro, che dovranno ora chiarire la dinamica dell’incidente ed effettuare tutti gli accertamenti necessari.

Il giovane Lavoratore, da una prima ricostruzione, ha subito un infortunio che riguarda la mano con l’interessamento delle dita, il tutto mentre lavorava sulla linea di laminazione del cracker. Al di là degli accertamenti del caso, di competenza delle autorità preposte in cui abbiamo la massima fiducia, come OO.SS. unitamente alle RSU intendiamo avviare un immediato confronto con l’azienda, per accertare se vi siano delle falle nel sistema di prevenzione e sicurezza in azienda.

La sicurezza nei luoghi di lavoro non deve essere considerata da nessuno un costo o una perdita di tempo e tantomeno un parametro di scambio, ma un ‘modo di approcciarsi al lavoro’ con investimenti costanti anche in tema di formazione dei lavoratori stessi per la tutela della loro salute.

La cultura della sicurezza deve essere una priorità in ogni ambiente di lavoro, quindi anche in Quality Food.

Esprimiamo tutta la nostra vicinanza e solidarietà a Matteo, alla sua famiglia ed alle persone a Lui care. A Voi colleghi – che certamente sarete colpiti da questo tragico evento – nel ringraziarvi per le cure prestate a Matteo, CHIEDIAMO di adoperarvi assieme a noi per rendere il Vostro posto di lavoro sempre più sicuro !

Abbiamo deciso venerdì 8 marzo di incontrarci in Assemblea sindacale per partire con la campagna:
LAVORARE SICURI SI PUO’: è un NOSTRO DOVERE e un NOSTRO DIRITTO.

Segreteria FAI CISL FVG

RSU QUALITY FOOD

Segreteria FLAI CGIL Udine



Printer Thin Line Vector Icon Isolated on the White Background. Comunicato Stampa
lascia il segno

VENCHIAREDO: elezioni RSU – soddisfazione della FAI CISL per il risultato ottenuto

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare

Soddisfazione della FAI CISL per il risultato ottenuto alle elezioni di mercoledì u.s. delle RSU, risultato che premia la Federazione con l’elezione della propria candidata SANDITA SARBU, che ringraziamo per la disponibilità dimostrata nel mettersi a disposizione della Cisl in una prova non certo facile, considerato che era dal 2015 che la Federazione non aveva un rappresentante interno. Il risultato ottenuto dimostra altresì che la perseveranza avuta dalla FAI CISL con i propri dirigenti esterni nel continuare a seguire una realtà aziendale molto importante per il territorio con caratteristiche occupazionali e professionali degli addetti di rilievo, ha avuto da parte delle Lavoratrici e dei Lavoratori il riconoscimento del lavoro sviluppato in questi anni. Nel ringraziare tutte le Lavoratrici ed i Lavoratori occupati in VENCHIAREDO che hanno dato fiducia alla FAI CISL del FVG.

Andrea Menegoz
Segretario FAI CISL FVG

Claudia Sacilotto
Segretaria generale FAI CISL FVG

Stampa il Comunicato Stampa

CCNL

ALIMENTARE, FAI CISL: “DALLE PIATTAFORME APPROVATE UNA LEVA PER LA CRESCITA”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare

Sono state presentate oggi a Roma, e approvate all’unanimità, da Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, le ipotesi di piattaforma per i rinnovi dei contratti collettivi nazionali dell’industria e della cooperazione alimentare. Per la Fai Cisl si tratta di due piattaforme che “raccolgono istanze innovative per misurarsi con la realtà e i tanti cambiamenti in corso nel mondo del lavoro”. “L’età media nel settore è di 56 anni”, ha affermato il Segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota a margine dell’incontro unitario, “per questo le piattaforme elaborate puntano su una staffetta generazionale che sia in saldo, per tutelare al massimo chi fuoriesce dal mercato del lavoro e garantire, a chi vi entra, più diritti, formazione e qualità del lavoro”.

“I punti per noi maggiormente qualificanti – ha spiegato Rota – sono innanzitutto gli strumenti messi a punto per sostenere il ricambio generazionale e il welfare contrattuale, e poi quelli per irrobustire il sistema di relazioni industriali e sindacali, rafforzando le forme di partecipazione dei lavoratori. La formazione, inoltre, non può essere un privilegio riservato a pochi, dovrà essere sempre più inclusiva e costante, per questo, tra le tante proposte, ci sono anche 8 ore di formazione continua per tutte le lavoratrici e i lavoratori. La riclassificazione degli inquadramenti è un altro punto essenziale, perché oggi operai e impiegati hanno ruoli sempre più trasversali e multifunzionali, e a loro vanno riconoscimenti più in linea con gli aspetti attuali e futuri del mondo del lavoro”.

“La giornata di oggi – ha concluso Rota – è stata segnata da un approccio unitario costruttivo che dovrà aiutarci a portare a casa risultati significativi. È importante, per noi, aver formulato richieste non demagogiche. Vogliamo coinvolgere con il rinnovo il maggior numero possibile di lavoratori e imprese, anche per evitare contrattualizzazioni alternative in grado di dar vita a contratti pirata e dumping contrattuale. Da oggi, parte un percorso unitario di straordinario valore, perché vede coinvolti lavoratrici e lavoratori in un confronto democratico e partecipativo su tutto il territorio nazionale, che darà vita alla versione definitiva della piattaforma da proporre alle controparti. Non c’è dubbio che una piattaforma come quelle approvate oggi possa essere una leva straordinaria per la crescita del settore e di tutti i comparti connessi, visto che mette al centro del lavoro la persona, la sua dignità, il suo bagaglio di saperi, competenze, professionalità”.

Stampa il Comunicato Stampa
Stampa il Comunicato Stampa Unitario FAI, FLAI,UILA

PRINCIPE

VERTENZA GRUPPO KIPRE: Sale la tensione e aumenta la preoccupazione Vertice in regione disatteso

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare

Questa è una vertenza quanto mai anomala. E’ il modo comunicativo, che la diversifica dalle molte affrontate in questi anni, la rende – a nostro avviso – irrispettosa del ruolo di rappresentanza delle OO.SS. come delle Istituzioni che han cercato fin da subito di mettersi in contatto con la proprietà o i loro delegati, a fronte dell’annuncio shock fatto dalla famiglia Dukcevich su un quotidiano nazionale il 28 dicembre u.s. e il conseguente deposito della domanda di concordato in bianco presentato presso il tribunale di Modena, il tutto nel bel mezzo delle festività di fine anno.

L’incontro in programma questo pomeriggio, richiesto dall’Amministrazione regionale con a capo l’Assessore alle attività produttive Sergio Bini, poteva essere l’attivazione di una interlocuzione per avere almeno delle prime risposte sul futuro del Gruppo Kipre. Poteva … appunto! Se non fosse stato rinviato, all’ultimo momento, da parte datoriale… a data da destinarsi.
Non di meno stesso atteggiamento con le OO.SS., dopo che le stesse avevano chiesto un incontro urgente già a fine dicembre, è arrivata – venerdì 11 gennaio – la disponibilità aziendale ad incontrarle e, pur avendo risposto immediatamente con il proporre una serie di date …. ad oggi … un silenzio assordante.

A questo punto aumentano gli interrogativi … è tutto frutto di strategia? E quale prospettiva per le tre realtà produttive della nostra regione? Quale futuro attende gli oltre 200 dipendenti che con la loro dedizione e professionalità hanno rese importanti queste aziende ? Perché questo silenzio da parte di una famiglia che ha costruito la propria fortuna anche con il contributo attivo di tante persone del nostro territorio?

La FAI CISL è fortemente preoccupata per come potrebbe concludersi questa vertenza. In primis perché riguarda l’intero territorio regionale, lo stesso distretto del Prosciutto di San Daniele e la sua filiera agroalimentare; non ultimo perché ci potrebbero essere ripercussioni negative su tutto l’indotto che il Gruppo Kipre movimenta in regione, dai professionisti ai piccoli artigiani, agli stessi fornitori di prodotti e/o accessori che con le loro maestranze non sono di secondo ordine in termini numerici come pure di fatturato.

Gli advisor che la famiglia ha incaricato e la stessa famiglia Dukcevich dovrebbero in cuor loro rammentare, che le Lavoratrici ed i Lavoratori attendono, da quel fatidico 28 dicembre, risposte per il loro futuro. Il silenzio o il tentar di prender tempo potrebbero anche essere una strategia … ma alimenta tra i lavoratori preoccupazione e tensione che stanno aumentando di ora in ora.

Ci chiediamo quindi: che fine ha fatto per il Gruppo Kipre la responsabilità sociale d’impresa?

Marco Savi
Operatore FAI CISL FVG
Claudia Sacilotto
Segretaria Generale Regionale
FAI CISL Friuli Venezia Giulia
Giorgio Spelat
Operatore FAI CISL FVG
bouvard-eurocakes-logo

FAI CISL FVG: IN BOUVARD ACCORDI per STABILIZZAZIONE PERSONALE

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Industria Alimentare

Memore del proverbio “tentar non nuoce” la Flai Cgil ci riprova. Punta, ancora una volta, sull’idolatria ideologica del diabolico conflitto permanente portandolo dalle piazze anche nelle aule giudiziarie.
Anzi per la Flai Cgil il conflitto pare un benefico e insostituibile strumento per la tutela dei lavoratori a discapito, anzitutto, degli strumenti stragiudiziali compositivi delle controversie come l’accordo sindacale con la controparte datoriale e nell’interesse di ciascun lavoratore presente in azienda. Come Fai Cisl siamo rispettosi della tutela giurisdizionale dei diritti e, ancor più, delle sentenze che ne conseguono. Ma riteniamo, altresì, che l’esasperata conflittualità, individuale e collettiva, a scapito di altre forme di tutela a disposizione del sindacato, rispettose della Legge e della Costituzione, vadano sempre coltivate nelle relazioni industriali proprio com’è avvenuto nel caso dell’accordo del 12 giugno 2017.
In proposito i fatti parlano da soli.
Anzitutto è singolare che ad oltre un anno dalla sottoscrizione dell’accordo, siglato il 12 luglio 2017, la Flai Cgil voglia, solo ora, intraprendere “un’azione legale contro l’accordo sui contratti a termine sottoscritto dal colosso delle merendine e dalla Cisl. (…..) per mettere fine a una situazione che, secondo il sindacalista, sarebbe contra legem” (Anna Casasola, Messaggero Veneto del 30 novembre 2018).
Al riguardo si precisa che la FAI CISL ha sottoscritto con le proprie RSU un accordo ‘in deroga’, ex art. 8 l. n. 148 del 2011, dopo mesi e mesi di discussione e trattative nell’allora Euro Cakes Spa di Fagagna, ora Bouvard Italia.
Né vale invocare, come riporta l’articolo a firma di Anna Casasola (Messaggero Veneto del 30 novembre 2018), che tale accordo sarebbe invalido “alla luce anche del ‘decreto Dignità’ che ha riscritto le nuove norme sui contratti a termine (….)”.
Sfugge al sindacalista della Flai Cgil che le modifiche alla nuova disciplina del contratto a tempo determinato potranno ancora essere realizzate attraverso i contratti collettivi di prossimità (aziendali o territoriali) previsti dall’articolo 8 della legge 148/2011 che consente di derogare alla disciplina legale (anche quella oggi vigente) delle assunzioni a termine. E con l’accordo del 12 giugno 2017, la Fai Cisl ritiene di aver agito responsabilmente e nell’interesse dei singoli dipendenti dell’azienda garantendo un percorso certo di stabilizzazione dei lavoratori a fronte di una spiccata stagionalità produttiva aziendale e in un contesto – al momento della sottoscrizione – non certo facile per il futuro dell’Azienda che aveva perso uno dei maggiori clienti il quale garantiva circa il 20% della produzione e quindi una fetta importante anche del fatturato.
La deroga riguarda la possibilità aziendale di aumentare il tempo che un lavoratore può essere occupato in azienda con contratto a termine, 54 mesi invece di 36. L’alternativa? L’azienda si sarebbe orientata alla ricerca di ‘nuovo personale’… lasciando a casa, e quindi disoccupato, chi aveva acquisito esperienza e professionalità e sperava in una stabilizzazione occupazionale.
L’accordo ha permesso un percorso di stabilizzazione ed anche un minor utilizzo di lavoratori somministrati, a vantaggio di assunzioni dirette da parte dell’allora Euro Cakes ora Bouvard Italia. Sorprende, ancora, che la FLAI Cgil non rammenti neppure che ‘l’accordo separato’ – così da lei qualificato – è stato presentato alle Lavoratrici e Lavoratori in assemblee sindacali unitarie e che, tramite voto segreto, l’intesa a firma della sola FAI CISL e delle sue Rsu è stata approvata a grande maggioranza da parte dei lavoratori; infatti hanno espresso voto favorevole 172 su 229 partecipanti al voto.
Ad ogni buon conto è appena il caso di rammentare alla Flai Cgil che l’art. 8 della l. n. 148 del 2011 consente la stipula anche da parte di una sola associazione. Quanto precede conferma, ancora una volta, che la FAI CISL FVG si è sempre contraddistinta per la correttezza e la concretezza della sua azione sindacale. I risultati tangibili dimostrando di essere ogni giorno a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori tanto da riscuotere un netto successo nelle elezioni R.S.U. del maggio u.s. eleggendo 5 candidati su 9 totali, ottenendo quindi la maggioranza.
Ciascuno di questi fatti, di per sé, rimandano al mittente le accuse pervenute dalla FLAI CGIL per asserite violazioni di leggi e contratti.

Giorgio Spelat – Claudia Sacilotto
Segreteria regionale FAI CISL FVG

STAMPA