forestali

#11maggio: Agroalimentare, Rota (Fai Cisl): “Dal Governo impegni annunciati e disattesi”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

Portati in piazza 6000 lavoratori
agricoli, alimentaristi e dell’ambiente

rota Sabato 11 maggio 2019 si è svolta a Roma la mobilitazione nazionale unitaria di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil.
I sindacati dell’agroalimentare hanno portato come promesso 6000 lavoratori in Piazza Bocca della Verità, con un presidio inserito nel solco delle mobilitazioni unitarie promosse da Cgil, Cisl e Uil negli ultimi mesi, a partire dalla grande manifestazione del 9 febbraio. Ha partecipato all’iniziativa anche il Segretario generale aggiunto della Cisl Luigi Sbarra.
“Portiamo la voce di un popolo di 2 milioni di lavoratrici e lavoratori per contestare un Governo che ha dichiarato di aver abolito la povertà, ma in realtà ne sta creando di nuova”, ha detto dal palco il Segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota, intervenuto dopo diversi lavoratori e lavoratrici dell’agroalimentare e dell’ambiente.

lavoratori11maggio Tante le persone coinvolte dalle richieste di Fai Flai e Uila a livello nazionale: 25 mila pescatori, 60 mila forestali, 400 mila alimentaristi, 2 mila allevatori, altri 2 mila dipendenti dei consorzi agrari, 10 mila quelli dei consorzi di bonifica, ai quali si aggiungono 25 mila impiegati e 1 milione e mezzo di operai per l’agricoltura. Tra le richieste avanzate nella piattaforma, gli ammortizzatori sociali per la pesca e quelli per gli operai agricoli dei territori pugliesi colpiti da xylella e gelate, che sono stati riconosciuti solo per metà rispetto a quanto promesso. Ci sono poi le proposte per la valorizzazione dei consorzi di bonifica come strumenti per la tutela idrogeologica del territorio, nonché per rinnovare al più presto i contratti nazionali degli allevatori e dei forestali, scaduti da 10 e 7 anni.

Fai Cisl del Friuli V.G.

Presente anche la Fai Cisl del Friuli V.G.

Presenti anche tanti lavoratori dell’industria alimentare, che si avvicina alla scadenza contrattuale: la prossima settimana i sindacati dovranno approvare la piattaforma definitiva con la quale aprire la negoziazione. “Più salario, più tutele, più welfare sono le basi per il rinnovo di questo come degli altri contratti”, ha tuonato dal palco Onofrio Rota: “Contratti che devono regolare tutti i lavori, tutte le aziende e tutti i lavoratori: è questa la vera tutela, non il salario minimo per legge. Chiediamo a Governo e Parlamento di non fare altri sbagli come quelli sulla liberalizzazione dei voucher e le collaborazioni, intervengano piuttosto contro il dumping contrattuale e sulle troppe tasse pagate ogni mese con la busta paga”.

Al centro della manifestazione, anche la lotta al caporalato, ricordata da tutti e tre i leader dei sindacati di categoria, Onofrio Rota (Fai Cisl), Giovanni Mininni (Flai Cgil) e Stefano Mantegazza (Uila Uil). Secondo Rota “non bastano le ruspe sui ghetti, occorre costruire case, togliere il controllo degli alloggi pubblici alle mafie, toglierlo al sistema clientelare e corruttivo: questa è vera sicurezza, assieme al contrasto delle aziende agricole senza terra.

Gli strumenti per farlo ci sono, occorre dare piena applicazione alla legge 199, sostenere le buone pratiche attivate sui territori grazie al nostro contributo, e poi mettere in campo gli ispettori promessi, che nessuno ha ancora visto. Questo governo – ha detto Rota – parla tanto di Made in Italy ma in realtà sta mortificando il mondo del lavoro agroalimentare, che è il nostro fiore all’occhiello nel mondo”.

IMG-20190505-WA0010

5maggio FAI BELLA L’ITALIA: causa maltempo l’iniziativa viene annullata

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

Oggi 5 maggio per la nostra Federazione si doveva svolgere la “1a Giornata Nazionale per la Cura dell’ambiente” presso il “Bosco della Mantova” a Fagnigola, frazione del Comune di Azzano Decimo.

Locandina 5 maggio FaiBellaLitalia A causa del maltempo purtroppo, l’iniziativa non si è potuta svolgere e pertanto è stata annullata.

Ringraziamo comunque, tutti coloro che si sono adoperati per l’organizzazione della giornata.

IMG-20190505-WA0010

Twitter 5 maggio

“FAI BELLA L’ITALIA” 5 MAGGIO la GIORNATA FAI CISL per la CURA dell’AMBIENTE

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

La Federazione agroalimentare della Cisl rilancia la sfida ecologica
testimonial dell’iniziativa Valerio Rossi Albertini (divulgatore scientifico e ricercatore del CNR)


Locandina_def_2803 In tutte le regioni Italiane si svolgerà domenica 5 maggio la Prima Giornata nazionale della Fai Cisl per la Cura dell’Ambiente, che vedrà mobilitate tutte le Federazioni regionali del sindacato agroalimentare e ambientale della CISL con iniziative rivolte alla salvaguardia del territorio e alla valorizzazione del patrimonio paesaggistico.

Ad annunciarlo ufficialmente è stato il Segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, durante i lavori dell’ultimo Comitato esecutivo nazionale riunitosi a Perugia venerdì 12 aprile u.s.. “È un progetto che parte da lontano – ha detto il sindacalista – e che finalmente trova la sua prima realizzazione. Sarà una giornata che vedrà la Federazione aprire le porte anche ad altre realtà associative ed istituzionali per rilanciare un messaggio da sempre molto a cuore alla FAI CISL: conciliare lo sviluppo economico con la salvaguardia dell’ambiente e della salute, perchè si può e si deve”.

Le Federazioni regionali saranno impegnate in diversi ambiti: chi nella pulizia dei margini dei fiumi, altre raccoglieranno plastica dalle spiagge, altre ancora renderanno accessibili parchi pubblici, aree boschive, sentieri o siti archeologici lasciati in stato di abbandono. A partecipare all’iniziativa, accanto a segretari, dirigenti e iscritti del sindacato, anche giovani volontari, famiglie, studenti.

Per la nostra regione, dichiara la Segretaria regionale Claudia Sacilotto, la località scelta è il

“Bosco della Mantova” a Fagnigola, frazione del Comune di Azzano Decimo (Pn)

La FAI Cisl FVG sarà impegnata nel recupero di un’area boschiva con interventi di pulizia, piccole potature, raddrizzamento delle piante e manutenzione delle aree verdi. L’iniziativa vede il patrocinio del Comune di Azzano Decimo e come partner Legambiente Pordenone, associazione Ecovolontari di Azzano Decimo e il Consiglio di zona dei Soci Coop.

Saranno azioni concrete, ma indubbiamente il progetto ha anche un grande valore simbolico: la FAI CISL vuole fare la propria parte, dimostrare che con piccoli gesti quotidiani si possono fare grandi cose, e soprattutto riportare all’attenzione l’enorme contributo che i lavoratori:
– dell’agroalimentare,
– della bonifica,
– della forestazione,
svolgono ogni giorno per:
– innalzare la qualità del cibo e della nostra agricoltura,
– mettere in sicurezza il territorio,
– agevolare lo sviluppo delle aree rurali,
– incrementare le opportunità offerte dalla green economy

Gli aggiornamenti sull’iniziativa saranno pubblicati sui social della Federazione e sul sito www.faicislfvg.it.

VI ATTENDIAMO NUMEROSI DOMENICA 5 MAGGIO

nel breve seguiranno le indicazioni logistiche.

Printer Thin Line Vector Icon Isolated on the White Background. Comunicato Stampa
trofeo

SINDACATI, CONCLUSO IL CORSO NAZIONALE FAI CISL

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

IL SEGRETARIO GENERALE ONOFRIO ROTA: “CON LA FORMAZIONE FACCIAMO CULTURA E COSTRUIAMO UNA COMUNITA’ DI VALORI”

Si è svolta oggi al CNEL, dopo due giorni di discussione delle tesine, l’incontro conclusivo del secondo corso nazionale lungo per giovani dirigenti Fai Cisl. Durante l’evento, prima della consegna dei diplomi, sono intervenuti Vincenzo Conso, Presidente della Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche, il Prof. Aldo Carera, il Segretario generale Onofrio Rota, mentre i tutor del corso hanno svolto alcune letture tratte da volumi di Giulio Pastore. In seguito sono giunti i saluti del Presidente del CNEL Tiziano Treu, che si è complimentato per l’impegno della federazione agroalimentare industriale e ambientale della Cisl nell’investire sulla formazione e sulla conoscenza. In conclusione della giornata, in presenza anche di segretari nazionali e regionali della Fai Cisl, sono state consegnate, ai corsisti, ai tutor e al Presidente Treu, alcune opere dello scultore Ignazio Colagrossi.

Il corso si è svolto nel Centro Studi Cisl di Firenze ed ha avuto inizio nel gennaio 2018, con un modulo introduttivo dedicato, in particolare, a rappresentanza e contrattazione. Tanti i temi affrontati dai 23 corsisti per il loro elaborato finale: dalla forestazione come presidio del territorio e prevenzione del dissesto idrogeologico al welfare contrattuale, dal benessere aziendale in diverse importanti realtà dell’industria alimentare alla contrattazione nel settore della pesca, dalla valorizzazione del lavoro della bonifica al contrasto al caporalato in agricoltura.

“Quella di oggi è una giornata che ci riempie di orgoglio, che ci ricorda che il nostro è molto più di un semplice mestiere”, ha detto il Segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota: “Con la formazione, facciamo cultura e costruiamo una comunità di valori, persone con coraggio, competenza, consapevolezza. Avviamo un percorso che deve rivolgersi sempre al bene comune, alla realizzazione della persona, alla dignità del lavoro, in particolare per i comparti che seguiamo, che rappresentano una parte fondamentale del Made in Italy”. gruppo

Manifesto9febbraio

AGROALIMENTARE, ROTA (FAI CISL): “IL 9 FEBBRAIO IN PIAZZA, I LAVORATORI NON MERITANO DI ESSERE PRESI IN GIRO”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

Manifesto9febbraio “Il 9 febbraio saremo in piazza nella mobilitazione unitaria organizzata da Cgil Cisl e Uil per dire che i lavoratori non meritano di essere presi in giro, che un selfie con i gilet arancioni non basta per dichiararsi dalla parte del popolo. Non lasceremo che nella rincorsa a chi piazza più bandierine, tra reddito di cittadinanza e quota cento, ci si dimentichi di chi, anche negli anni di crisi, ha continuato a tenere alto nel mondo il Made in Italy agroalimentare e le sue eccellenze: lavoratrici e lavoratori, con i loro sacrifici, i loro redditi, che sono notoriamente tra i più bassi d’Europa, e il loro grande contributo a una ricchezza che appare scandalosamente concentrata nelle mani di pochi”.
Lo scrive il Segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, sulla Gazzetta del Mezzogiorno di oggi.
“È la parte più sana del Paese che protesta”, afferma il sindacalista a proposito della crisi del mondo agricolo pugliese, “è il Sud produttivo, quello che si rimbocca le maniche, che non si rassegna all’idea di lasciare morire territori preziosi e spingere a partire giovani e talenti. Merita di essere ascoltata, e il Governo dovrebbe tenerne conto”.
==> Presentazione Manifestazione

Screenshot_20180927-190123_1

LAVORO, ROTA (FAI CISL): “UN FRONTE DELLA RESPONSABILITÀ PER RILANCIARE AGROALIMENTARE E AMBIENTE”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

“C’è un fronte della responsabilità da definire, serve una nuova alleanza per il lavoro agroalimentare e ambientale che parli il linguaggio della concretezza e sciolga nodi di sistema che frenano da troppi anni enormi potenzialità inespresse”.
Così il segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota nel suo intervento all’iniziativa “Fai Bella L’Italia”, in corso oggi a Napoli, con la partecipazione di Annamaria Furlan e rappresentanti di imprese e istituzioni.
“Penso all’urgenza di riqualificare l’azione pubblica – ha aggiunto Rota – nella gestione protettiva e produttiva del nostro patrimonio idrico, forestale e paesaggistico per farne strumento di crescita e modernità, fonte di valore economico e di valori etici, mezzo di contrasto al dissesto idrogeologico, alla speculazione, alla desertificazione, all’abbandono delle terre e dei borghi”.

CONSIGLIO GENERALE FAI CISL: ONOFRIO ROTA ELETTO NUOVO SEGRETARIO GENERALE, CONFERMATA LA SEGRETERIA

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

Il sindacalista veneto succede a Luigi Sbarra, recentemente eletto segretario generale aggiunto della Cisl

Furlan: “Grazie a Sbarra per i traguardi raggiunti, Onofrio saprà far crescere ancora di più la Categoria”

Onofrio Rota è il nuovo segretario generale della Fai nazionale. A eleggerlo all’unanimità, su proposta del segretario generale uscente, il consiglio generale del sindacato agroalimentare-ambientale della Cisl, riunitosi questa mattina a Roma alla presenza della leader Cisl Annamaria Furlan. Il dirigente ha guidato fino ad oggi la Cisl Veneto e prende il posto di Luigi Sbarra, divenuto segretario generale aggiunto del sindacato di via Po. Il parlamentino della Fai, su proposta dello stesso Rota, ha anche confermato la squadra di segreteria nelle persone di Raffaella Buonaguro, Attilio Cornelli, Silvano Giangiacomi e Mohamed Saady. Rota

“È in Fai Cisl che sono cresciuto, qui mi sento a casa – ha detto Rota nel suo primo discorso da neoeletto –, ora l’impegno è a continuare nel solco del grande lavoro svolto da Sbarra, dei tanti traguardi tagliati dalla Categoria sul fronte contrattuale, legislativo, organizzativo e della rappresentanza. Portare a compimento questo percorso vuol dire far avanzare le ragioni del lavoro di qualità nei nostri settori e metterle in connessione con una competitività e una innovazione indispensabili nel contesto di Impresa 4.0 e di mercati sempre più interdipendenti e internazionalizzati”.

Nel suo intervento di apertura, Sbarra ha evidenziato le conquiste ottenute nel triennio: “Penso alla storica legge 199 sul caporalato – ha evidenziato – ma anche ai progressi su un governo migliore del mercato del lavoro, alla cancellazione dei voucher agricoli, al potenziamento della bilateralità,all’istituzione di strumenti di maggiore flessibilità previdenziale, con l’ingresso delle nostre categorie nell’Ape Sociale. Abbiamo fatto tanto e bene,chiudendo tutti i contratti nazionali di comparto, liberando risorse negoziali per oltre 4 miliardi di euro, rinnovando la nostra dirigenza, rilanciando la nostra rappresentanza e le nostre performance associative”. Conquiste legislative, negoziali e organizzative ottenute “grazie al sostegno costante della Cisl e di Annamaria Furlan, che in questi tre anni ha rilanciato il protagonismo sociale nelle dinamiche pubbliche di decisione e di riforma”. Nel proporre la candidatura di Rota, Sbarra ha parlato di un“dirigente di grande spessore, un sindacalista di rango. Con la sua serietà, la sua storia, la sua predisposizione all’innovazione, Onofrio ha tutte le carte in regola per consolidare l’unità interna della Federazione, e con essa il futuro e la rappresentanza della Fai”.

La Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, intervenuta a conclusione dei lavori, ha ringraziato Luigi Sbarra per il lavoro fatto in questi anni per “ricostruire l’unità interna alla Fai Cisl, una delle storiche e più antiche categorie della Confederazione, attraverso una linea contrattuale chiara e vincente, rappresentando i bisogni e le aspettative di tanti lavoratori del settore agroalimentare”. La leader della Cisl ha aggiunto: “Sono certa che Onofrio Rota, che lascia l’USR Cisl del Veneto, saprà agire con la sua straordinaria umanità, generosità e preparazione sindacale in continuità con i traguardi raggiunti dalla Fai Cisl in questi anni, facendo crescere ancora di più il protagonismo di questa importante categoria”

rota primo piano Cinquantenne, nato a Monteparano, in provincia di Taranto, e vissuto a Treviso dall’età di 15 anni, Onofrio Rota è dottore in Scienze Sociali. Ha iniziato il suo impegno sindacalenel ruolo di delegato aziendale nel 1989, per poi diventare operatore a tempopieno nel 1995. È stato Segretario generale, a Treviso, prima della federazionedell’industria alimentare e poi, dopo l’unificazione con i lavoratori agricoli, della Fai. Nel 2006 è stato eletto Segretario regionale della Fai e, nel 2015, Segretario generale aggiunto della Cisl Veneto. L’anno successivo ne è diventato Segretario generale.


Roma 19 aprile 2018