Collage

“FAI BELLA L’ITALIA: giornata nazionale per la cura dell’ambiente”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

COPERTINA AMBIENTE FB

LA FEDERAZIONE AGROALIMENTARE DELLA CISL RILANCIA PER IL SECONDO ANNO LA SFIDA ECOLOGICA

Dopo l’esperienza dello scorso anno ed in vista del 5 giugno – Giornata Mondiale per l’Ambiente – la Fai Cisl rilancia la campagna “Fai Bella l’Italia” con iniziative rivolte alla salvaguardia del territorio, mobilitando anche quest’anno tutte le Federazioni regionali del sindacato agroalimentare e ambientale della CISL.

A causa dell’emergenza sanitaria COVID-19, le iniziative si ridurranno al minimo in quanto non sono consentiti gli assembramenti; per certi versi questo periodo ci porta a riflettere ancor di più sui temi della salvaguardia del territorio e sulla responsabilità di ciascuno di noi sui comportamenti sociali e ambientali.

Collage Ad annunciarlo ufficialmente è stato il Segretario nazionale generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, durante i lavori del Comitato esecutivo nazionale riunitosi in video-conferenza: “È un progetto che l’anno scorso ha avuto un ottimo successo di organizzazione, partecipazione e realizzazione – ha detto il sindacalista – sarà una giornata particolare in quanto non ci potranno essere attività outdoor dei nostri gruppi regionali, ma piccole iniziative nel rispetto delle indicazioni nazionali e locali sulla prevenzione e del contagio da COVID 19. In agenda anche un sondaggio online e un Webinar alle ore 15.00 con Onofrio Rota, Ermete Realacci, Valerio Rossi Albertini, Roberto Morassut e le conclusioni di Annamaria Furlan.”

La FAI CISL del Friuli V.G., per la 2^ edizione di FAI Bella l’Italia, ha scelto una località sulle sponde del fiume Tagliamento, in provincia di Udine impegnandosi – dichiara la Segretaria regionale Claudia Sacilotto – con piccoli interventi di pulizia, con lo scopo anche di far conoscere uno dei fiumi più belli al mondo.

Infatti, il fiume Tagliamento con le sue acque limpide e chiare, circondate da un ampio letto di ghiaie, è caratterizzato da dinamiche fluviali per i numerosi navigli d’acqua che si intrecciano con la loro sinuosità tutta naturale ed è ritenuto un ecosistema estremamente prezioso e interessante, essendo considerato l’ultimo corridoio fluviale morfologicamente intatto delle Alpi.
Nasce a 1195 m di altitudine nei pressi del passo della Mauria, scorre attraverso la Carnia, per divenire in pianura confine naturale tra le provincie di Udine e Pordenone e nel tratto medio-basso confine tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto sfociando nell’Alto Adriatico tra Lignano Sabbiadoro e Bibione.

Prima Il suo bacino fa parte della Riserva di Biosfera “Alpi Giulie Italiane”, un riconoscimento che ha voluto valorizzare le dinamiche naturali del fiume, la sua straordinaria biodiversità con una ricchezza unica di specie vegetali e animali, le sue straordinarie qualità ecologiche e la consapevolezza del suo valore ambientale, sociale ed economico. Un luogo in cui si vuol far conciliare lo sviluppo e la tutela della natura e in cui il connubio tra uomo e ambiente sia un esempio per il raggiungimento degli ‘obiettivi di sviluppo sostenibile definiti dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030”.

Concludendo, quanto vuole effettuare quest’anno la FAI CISL FVG è solo un piccolo gesto, ma dal valore simbolico: anche in una situazione di emergenza sanitaria siamo chiamati a fare la nostra parte per mantenere alta l’importanza sulla salvaguardia dell’ambiente, che da sempre la Federazione agro-alimentare sostiene legandola ai temi:

• della sicurezza del territorio e dei lavoratori;
• della qualità del cibo e della valorizzazione della filiera regionale,
• della necessità di sviluppare la produttività green.

Foto e video delle varie iniziative saranno pubblicati sui social della Federazione e sul sito www.faicisl.it.

APPUNTAMENTO: oggi 5 giugno ore 15.00 webinar trasmesso sulla pagina Facebook della Fai Cisl Nazionale.

Scarica il comunicato stampa >> Comunicato stampa

locandina giornata ambiente 2020 (1)

“FAI BELLA L’ITALIA”, SECONDA GIORNATA FAI CISL PER LA CURA DELL’AMBIENTE

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

ROMA, 23 MAGGIO 2020 – Il sindacato agroalimentare e ambientale replica l’esperienza dello scorso anno e lancia una call to action in vista del 5 giugno 2020, Giornata Mondiale per l’Ambiente. In agenda anche un sondaggio online e un Webinar con Onofrio Rota, Ermete Realacci, Valerio Rossi Albertini, Roberto Morassut, Annamaria Furlan.

Con la seconda Giornata nazionale per la Cura dell’Ambiente, la Fai Cisl rilancia la campagna “Fai Bella l’Italia” assieme a Terra Viva – Associazione Liberi Produttori Agricoli.
Dopo l’esperienza dello scorso anno, che ha visto mobilitate le federazioni regionali con iniziative rivolte alla salvaguardia del territorio, quest’anno il sindacato agroalimentare e ambientale chiama all’azione tutti i cittadini con iniziative individuali e famigliari che siano compatibili con le regole imposte dalle norme anti Covid19.

locandina giornata ambiente 2020 (1) “Per il 5 giugno, Giornata Mondiale per l’Ambiente – spiega il segretario generale Onofrio Rota – avevamo previsto iniziative importanti, da realizzare con il coinvolgimento di studenti e istituzioni, ma l’emergenza sanitaria ci ha costretti ad annullare gli eventi. Non per questo rinunciamo a tenere alta l’attenzione sulla crisi climatica, la transizione green della nostra economia, il recupero dei territori in abbandono. Sarà una ricorrenza più social e a dimensione famigliare, ma non per questo meno importante sotto il profilo sociale, politico e culturale”.

Per evitare assembramenti, la Fai Cisl invita ad aderire a “Fai Bella l’Italia” con iniziative personali o con la propria famiglia che possano trasformare positivamente alcuni luoghi cari che soffrono di incuria e cattiva gestione.

Il sindacato chiede di mettere in risalto sui social le proprie azioni usando gli hashtag #faibellalitalia, #giornatamondialeambiente e #WorldEnvironmentDay.
Chiede inoltre di inviare 3 foto massimo o 3 testimonianze audiovisive all’indirizzo email ufficiostampafaicisl@gmail.com.

La partecipazione è aperta a tutti. Le testimonianze raccolte saranno pubblicate sui profili social del sindacato e saranno commentate anche nel corso di un Webinar che si svolgerà il 5 giugno alle 15 con la partecipazione di Onofrio Rota, Ermete Realacci, Valerio Rossi Albertini, Roberto Morassut, e le conclusioni di Annamaria Furlan. Sempre nel corso del Webinar, saranno resi noti i risultati del sondaggio che il sindacato ha lanciato oggi on line sulla tutela dell’ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici.

Informazioni su come partecipare su www.faicisl.it.

Partecipa al sondaggio, bastano due minuti! clicca qui!

immagine sito

FAI TUA LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA: Un Bene da Coltivare

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO, Eventi

Questo il tema della tavola rotonda che si terrà venerdì 6 dicembre presso la sede CISL di Udine in via T. Ciconi, 16 con inizio alle ore 9:00.

Un importante momento di informazione, formazione e confronto, sotto la regia del Vicedirettore del Messaggero Veneto Paolo Mosanghini, per le delegate ed i delegati della FAI CISL del Friuli Venezia Giulia, organizzazione sindacale che rappresenta e segue il settore agroalimentare.

Locandina_6dicembre Saranno presenti Stefano Zannier assessore regionale FVG risorse agroalimentari, Fabio Lo Faro Direttore regionale INAIL FVG, Claudia Zuliani Medico del Lavoro-Direttore S.O.C. Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro A.S.U.I. di Udine, Franco Capuzzo medico legale patronato INAS, Bruzio Bisignano formatore aziendale. Inoltre importante la presenza di Flavio Frigè che darà una propria testimonianza: da giovane carpentiere a invalido del lavoro.

La CISL sarà rappresentata da Alberto Monticco che con il Segretario nazionale FAI CISL Silvano Giangiacomi, daranno il loro contributo sindacale nel corso della tavola rotonda; mentre la relazione introduttiva è affidata ad Andrea Menegoz, segretario regionale FAI CISL FVG. Non possono certo essere considerati dei dati non allarmanti gli oltre 4.618 infortuni (dati a ottobre) che nel 2019 hanno segnato la nostra regione, se pur in leggero calo rispetto al 2018.

L’agricoltura infatti rimane uno dei settori a maggior rischio, sia per entità che per frequenza degli infortuni denunciati. Va pertanto prevista una particolare attenzione e un maggior coinvolgimento degli Enti e delle Istituzioni che si occupano di misure protettive e preventive per la tutela della salute e la sicurezza degli operatori agricoli.

Già all’interno del D.Lgs 81/08 vengono introdotti i concetti chiave per la tutela dei lavoratori agricoli, le disposizioni per i datori di lavoro, le misure preventive tecniche, procedurali ed organizzative, e l’utilizzo dei dispositivi di protezione. Ma solo le norme purtroppo non bastano – le dichiarazioni della Segretaria regionale FAI CISL FVG Claudia Sacilotto che aprirà i lavori della giornata – la vigilanza nei luoghi di lavoro è stato finora un ‘non tema’ nel dibattito pubblico e anche culturale del nostro paese, nonostante i ripetuti appelli del Presidente della Repubblica. Se ne discute infatti, nelle formali note di cordoglio, dopo l’ennesima morte bianca.. e poi si continua come prima, si aspetta il prossimo incidente, come se nulla fosse.

Durante la tavola rotonda si cercherà di evidenziare l’importanza delle azioni positive e le misure messe e da mettere in campo, fornendo ai rappresentanti sindacali aziendali, le diverse sfaccettature sulla sicurezza nei luoghi di lavoro quali elementi formativi per attivare una loro presa di coscienza che la sicurezza è un aspetto essenziale della vita quotidiana delle persone e delle imprese, nella considerazione che la prevenzione primaria sull’ambiente (miglioramento condizioni di lavoro e delle attrezzature) e sull’uomo (educazione dei lavoratori) sono gli strumenti fondamentali per contenere il verificarsi di infortuni e patologie invalidanti.

Claudia Sacilotto
Segretaria regionale FAI Cisl FVG

Screenshot_20190522-185011_1

AMAZONNIA: “IL PIANETA VERDE”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

Tutela del lavoro e modelli di sviluppo
Per la difesa dell’ambiente globalizzato e del settore agroalimentare

Oggi a Udine Onofrio Rota, Segretario Generale Fai Cisl Nazionale, partecipa alla tavola rotonda “Amazzonia, il pianeta verde. Tutela del lavoro e modelli di sviluppo”, organizzato da Iscos FVG e CISL FVG.

Screenshot_20190522-185011_1 Onofrio Rota: “Come può il mondo agroalimentare inserirsi in questo contesto?
Facendo la propria parte, cambiando prospettiva, seguendo anche l’aspetto ambientale e di tutela del territorio.

IMG-20190524-WA0005 Con questi presupposti nasce la Giornata Nazionale a tutela dell’ambiente del #5maggio che ha coinvolto tutte le nostre Federazioni Fai con varie iniziative: pulizia di spiagge, parchi, recupero di aree abbandonate, ecc. P_20190524_102330
La tutela dell’ambiente è una gestione quotidiana che coinvolge tutti.
Serve una legge che norma il consumo del suolo; aspettiamo l’approvazione di una legge salvamare per i pescatori che recuperano, durante la pesca, la plastica del mare.
La legge dovrebbe premiare con un bonus il lavoro di pulizia svolto dai pescatori e non tassarli.

Non va nemmeno dimenticata la tutela dei lavoratori occupati in agricoltura.
Diventa fondamentale la lotta al fenomeno del caporalato che sta emergendo quotidianamente in ogni zona d’Italia. Le condizioni di lavoro devono essere uguali per tutti a tutela dei lavoratori e di quelle aziende che si propongono sul mercato con prodotti che rispettano le regole.

La Fai Cisl continuerà a fare la sua parte con l’attenzione e la professionalità che l’ha sempre contraddistinta.” P_20190524_101706

forestali

#11maggio: Agroalimentare, Rota (Fai Cisl): “Dal Governo impegni annunciati e disattesi”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

Portati in piazza 6000 lavoratori
agricoli, alimentaristi e dell’ambiente

rota Sabato 11 maggio 2019 si è svolta a Roma la mobilitazione nazionale unitaria di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil.
I sindacati dell’agroalimentare hanno portato come promesso 6000 lavoratori in Piazza Bocca della Verità, con un presidio inserito nel solco delle mobilitazioni unitarie promosse da Cgil, Cisl e Uil negli ultimi mesi, a partire dalla grande manifestazione del 9 febbraio. Ha partecipato all’iniziativa anche il Segretario generale aggiunto della Cisl Luigi Sbarra.
“Portiamo la voce di un popolo di 2 milioni di lavoratrici e lavoratori per contestare un Governo che ha dichiarato di aver abolito la povertà, ma in realtà ne sta creando di nuova”, ha detto dal palco il Segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota, intervenuto dopo diversi lavoratori e lavoratrici dell’agroalimentare e dell’ambiente.

lavoratori11maggio Tante le persone coinvolte dalle richieste di Fai Flai e Uila a livello nazionale: 25 mila pescatori, 60 mila forestali, 400 mila alimentaristi, 2 mila allevatori, altri 2 mila dipendenti dei consorzi agrari, 10 mila quelli dei consorzi di bonifica, ai quali si aggiungono 25 mila impiegati e 1 milione e mezzo di operai per l’agricoltura. Tra le richieste avanzate nella piattaforma, gli ammortizzatori sociali per la pesca e quelli per gli operai agricoli dei territori pugliesi colpiti da xylella e gelate, che sono stati riconosciuti solo per metà rispetto a quanto promesso. Ci sono poi le proposte per la valorizzazione dei consorzi di bonifica come strumenti per la tutela idrogeologica del territorio, nonché per rinnovare al più presto i contratti nazionali degli allevatori e dei forestali, scaduti da 10 e 7 anni.

Fai Cisl del Friuli V.G.

Presente anche la Fai Cisl del Friuli V.G.

Presenti anche tanti lavoratori dell’industria alimentare, che si avvicina alla scadenza contrattuale: la prossima settimana i sindacati dovranno approvare la piattaforma definitiva con la quale aprire la negoziazione. “Più salario, più tutele, più welfare sono le basi per il rinnovo di questo come degli altri contratti”, ha tuonato dal palco Onofrio Rota: “Contratti che devono regolare tutti i lavori, tutte le aziende e tutti i lavoratori: è questa la vera tutela, non il salario minimo per legge. Chiediamo a Governo e Parlamento di non fare altri sbagli come quelli sulla liberalizzazione dei voucher e le collaborazioni, intervengano piuttosto contro il dumping contrattuale e sulle troppe tasse pagate ogni mese con la busta paga”.

Al centro della manifestazione, anche la lotta al caporalato, ricordata da tutti e tre i leader dei sindacati di categoria, Onofrio Rota (Fai Cisl), Giovanni Mininni (Flai Cgil) e Stefano Mantegazza (Uila Uil). Secondo Rota “non bastano le ruspe sui ghetti, occorre costruire case, togliere il controllo degli alloggi pubblici alle mafie, toglierlo al sistema clientelare e corruttivo: questa è vera sicurezza, assieme al contrasto delle aziende agricole senza terra.

Gli strumenti per farlo ci sono, occorre dare piena applicazione alla legge 199, sostenere le buone pratiche attivate sui territori grazie al nostro contributo, e poi mettere in campo gli ispettori promessi, che nessuno ha ancora visto. Questo governo – ha detto Rota – parla tanto di Made in Italy ma in realtà sta mortificando il mondo del lavoro agroalimentare, che è il nostro fiore all’occhiello nel mondo”.

IMG-20190505-WA0010

5maggio FAI BELLA L’ITALIA: causa maltempo l’iniziativa viene annullata

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

Oggi 5 maggio per la nostra Federazione si doveva svolgere la “1a Giornata Nazionale per la Cura dell’ambiente” presso il “Bosco della Mantova” a Fagnigola, frazione del Comune di Azzano Decimo.

Locandina 5 maggio FaiBellaLitalia A causa del maltempo purtroppo, l’iniziativa non si è potuta svolgere e pertanto è stata annullata.

Ringraziamo comunque, tutti coloro che si sono adoperati per l’organizzazione della giornata.

IMG-20190505-WA0010

Twitter 5 maggio

“FAI BELLA L’ITALIA” 5 MAGGIO la GIORNATA FAI CISL per la CURA dell’AMBIENTE

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

La Federazione agroalimentare della Cisl rilancia la sfida ecologica
testimonial dell’iniziativa Valerio Rossi Albertini (divulgatore scientifico e ricercatore del CNR)


Locandina_def_2803 In tutte le regioni Italiane si svolgerà domenica 5 maggio la Prima Giornata nazionale della Fai Cisl per la Cura dell’Ambiente, che vedrà mobilitate tutte le Federazioni regionali del sindacato agroalimentare e ambientale della CISL con iniziative rivolte alla salvaguardia del territorio e alla valorizzazione del patrimonio paesaggistico.

Ad annunciarlo ufficialmente è stato il Segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, durante i lavori dell’ultimo Comitato esecutivo nazionale riunitosi a Perugia venerdì 12 aprile u.s.. “È un progetto che parte da lontano – ha detto il sindacalista – e che finalmente trova la sua prima realizzazione. Sarà una giornata che vedrà la Federazione aprire le porte anche ad altre realtà associative ed istituzionali per rilanciare un messaggio da sempre molto a cuore alla FAI CISL: conciliare lo sviluppo economico con la salvaguardia dell’ambiente e della salute, perchè si può e si deve”.

Le Federazioni regionali saranno impegnate in diversi ambiti: chi nella pulizia dei margini dei fiumi, altre raccoglieranno plastica dalle spiagge, altre ancora renderanno accessibili parchi pubblici, aree boschive, sentieri o siti archeologici lasciati in stato di abbandono. A partecipare all’iniziativa, accanto a segretari, dirigenti e iscritti del sindacato, anche giovani volontari, famiglie, studenti.

Per la nostra regione, dichiara la Segretaria regionale Claudia Sacilotto, la località scelta è il

“Bosco della Mantova” a Fagnigola, frazione del Comune di Azzano Decimo (Pn)

La FAI Cisl FVG sarà impegnata nel recupero di un’area boschiva con interventi di pulizia, piccole potature, raddrizzamento delle piante e manutenzione delle aree verdi. L’iniziativa vede il patrocinio del Comune di Azzano Decimo e come partner Legambiente Pordenone, associazione Ecovolontari di Azzano Decimo e il Consiglio di zona dei Soci Coop.

Saranno azioni concrete, ma indubbiamente il progetto ha anche un grande valore simbolico: la FAI CISL vuole fare la propria parte, dimostrare che con piccoli gesti quotidiani si possono fare grandi cose, e soprattutto riportare all’attenzione l’enorme contributo che i lavoratori:
– dell’agroalimentare,
– della bonifica,
– della forestazione,
svolgono ogni giorno per:
– innalzare la qualità del cibo e della nostra agricoltura,
– mettere in sicurezza il territorio,
– agevolare lo sviluppo delle aree rurali,
– incrementare le opportunità offerte dalla green economy

Gli aggiornamenti sull’iniziativa saranno pubblicati sui social della Federazione e sul sito www.faicislfvg.it.

VI ATTENDIAMO NUMEROSI DOMENICA 5 MAGGIO

nel breve seguiranno le indicazioni logistiche.

Printer Thin Line Vector Icon Isolated on the White Background. Comunicato Stampa
trofeo

SINDACATI, CONCLUSO IL CORSO NAZIONALE FAI CISL

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

IL SEGRETARIO GENERALE ONOFRIO ROTA: “CON LA FORMAZIONE FACCIAMO CULTURA E COSTRUIAMO UNA COMUNITA’ DI VALORI”

Si è svolta oggi al CNEL, dopo due giorni di discussione delle tesine, l’incontro conclusivo del secondo corso nazionale lungo per giovani dirigenti Fai Cisl. Durante l’evento, prima della consegna dei diplomi, sono intervenuti Vincenzo Conso, Presidente della Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche, il Prof. Aldo Carera, il Segretario generale Onofrio Rota, mentre i tutor del corso hanno svolto alcune letture tratte da volumi di Giulio Pastore. In seguito sono giunti i saluti del Presidente del CNEL Tiziano Treu, che si è complimentato per l’impegno della federazione agroalimentare industriale e ambientale della Cisl nell’investire sulla formazione e sulla conoscenza. In conclusione della giornata, in presenza anche di segretari nazionali e regionali della Fai Cisl, sono state consegnate, ai corsisti, ai tutor e al Presidente Treu, alcune opere dello scultore Ignazio Colagrossi.

Il corso si è svolto nel Centro Studi Cisl di Firenze ed ha avuto inizio nel gennaio 2018, con un modulo introduttivo dedicato, in particolare, a rappresentanza e contrattazione. Tanti i temi affrontati dai 23 corsisti per il loro elaborato finale: dalla forestazione come presidio del territorio e prevenzione del dissesto idrogeologico al welfare contrattuale, dal benessere aziendale in diverse importanti realtà dell’industria alimentare alla contrattazione nel settore della pesca, dalla valorizzazione del lavoro della bonifica al contrasto al caporalato in agricoltura.

“Quella di oggi è una giornata che ci riempie di orgoglio, che ci ricorda che il nostro è molto più di un semplice mestiere”, ha detto il Segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota: “Con la formazione, facciamo cultura e costruiamo una comunità di valori, persone con coraggio, competenza, consapevolezza. Avviamo un percorso che deve rivolgersi sempre al bene comune, alla realizzazione della persona, alla dignità del lavoro, in particolare per i comparti che seguiamo, che rappresentano una parte fondamentale del Made in Italy”. gruppo

Manifesto9febbraio

AGROALIMENTARE, ROTA (FAI CISL): “IL 9 FEBBRAIO IN PIAZZA, I LAVORATORI NON MERITANO DI ESSERE PRESI IN GIRO”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Eventi

Manifesto9febbraio “Il 9 febbraio saremo in piazza nella mobilitazione unitaria organizzata da Cgil Cisl e Uil per dire che i lavoratori non meritano di essere presi in giro, che un selfie con i gilet arancioni non basta per dichiararsi dalla parte del popolo. Non lasceremo che nella rincorsa a chi piazza più bandierine, tra reddito di cittadinanza e quota cento, ci si dimentichi di chi, anche negli anni di crisi, ha continuato a tenere alto nel mondo il Made in Italy agroalimentare e le sue eccellenze: lavoratrici e lavoratori, con i loro sacrifici, i loro redditi, che sono notoriamente tra i più bassi d’Europa, e il loro grande contributo a una ricchezza che appare scandalosamente concentrata nelle mani di pochi”.
Lo scrive il Segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, sulla Gazzetta del Mezzogiorno di oggi.
“È la parte più sana del Paese che protesta”, afferma il sindacalista a proposito della crisi del mondo agricolo pugliese, “è il Sud produttivo, quello che si rimbocca le maniche, che non si rassegna all’idea di lasciare morire territori preziosi e spingere a partire giovani e talenti. Merita di essere ascoltata, e il Governo dovrebbe tenerne conto”.
==> Presentazione Manifestazione