MATERNITA' OTD-AGR

La tutela della maternità per le Lavoratrici agricole a tempo determinato

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO, Informative

MATERNITA' OTD-AGR La Segreteria della FAI CISL FVG con la Coordinatrice Donne della Federazione, hanno elaborato la presente sintesi con l’obiettivo di dare alle Lavoratrici agricole con contratto a tempo determinato una veloce informativa sui loro ‘particolari’ diritti, nel caso in cui affrontino il bel evento della maternità, diritti che sono sempre condizionati alle giornate di assicurazione Inps.

Per le lavoratrici agricole con contratto a tempo indeterminato valgono invece le stesse regole delle lavoratrici del settore privato, salvo le diversificazioni possibili dai diversi contratti nazionali.

ADESIONE ANTICIPATA, CONGEDO DI MATERNTA’, CONGEDO PARENTALE, RIPOSI PER ALLATTAMENTO ED INDENNITA’…
scarica il nostro volantino e leggi le tutele!!

=>SCARICA IL VOLANTINO

vino

CONTRATTI. FAI-FLAI-UILA, SIGLATO RINNOVO COOPERAZIONE AGRICOLA

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO

Scarica la sintesi: Clicca qui!

È stata siglata questa notte, in modalità telematica, l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL per i lavoratori dipendenti delle cooperative e consorzi agricoli, vigente dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2023.
“Questa firma – dichiarano in una nota Fai, Flai e Uila – arriva dopo una lunga trattativa che si è svolta in un contesto economico e sociale molto complesso, nel quale i vari settori produttivi presenti in questo contratto hanno avuto performance economiche molto diverse tra loro. Questo fattore ha notevolmente complicato la trattativa e il risultato ottenuto è il punto di equilibrio tra i vari comparti”.

“L’aumento salariale, pari a 66 euro a regime, è ben superiore all’Ipca prevista.
Tra i punti qualificanti, la certezza dell’integrazione all’indennità di maternità obbligatoria per le lavoratrici a tempo determinato; il riconoscimento delle maggiorazioni retributive in caso di utilizzo della banca ore; 8 ore di permessi annui retribuiti per l’assistenza dei genitori anziani; aumento delle ore di agibilità degli RLS e delle ore di formazione; disciplina dell’istituto delle ferie solidali. Inoltre, si è ottenuto un importante articolo a difesa della dignità delle persone e per il contrasto alle moleste sessuali e al mobbing, nonché l’estensione delle tutele per le donne vittime di violenza di genere”.

“Con la firma di questo contratto – concludono Fai, Flai e Uila – si ribadisce l’importanza della contrattazione nella tutela delle lavoratrici e dei lavoratori. Inoltre, alla luce delle specificità e disomogeneità dei settori a cui si applica questo contratto, è necessario avviare sin da subito un forte impegno per i rinnovi dei contratti di secondo livello, in modo da poter redistribuire ulteriormente la ricchezza prodotta a livello territoriale e aziendale, così come previsto dagli attuali assetti contrattuali”

operai agricoli

DISOCCUPAZIONE AGRICOLA / ȘOMAJ AGRICOL / DENARNO NADOMESTILO ZA BRESPOSELNOST V KMETIJSTVU

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO

SEI UN LAVORATORE AGRICOLO ??
Se hai avuto, nel corso del 2020, un rapporto di lavoro agricolo, anche per l’intero anno o per pochi giorni, potresti aver diritto alla DISOCCUPAZIONE AGRICOLA: Dipendenti a tempo determinato-avventizi, Dipendenti a tempo indeterminato ma, non per tutto l’anno solare!!

MUNCEȘTI ȊN AGRICULTURA ??
Dacă în cursul anului 2020 ai avut un contract de muncă in agricultură pentru câteva zile sau chiar pe tot anul, ai putea avea dreptul să primeşti ȘOMAJ AGRICOL: Angajați pe o perioadă determinată , Angajați pe o perioadă nedeterminată dar nu pe tot anul solar!!

Si kmetijski delavec ??
Če je bilo tvoje delovno razmerje v kmetijstvu leta 2020 letno ali samo nekaj dnevo, lahko pridobiš DENARNO NADOMESTILO ZA BRESPOSELNOST V KMETIJSTVU: Začasno zaposleni in priložnostni delavci, Zaposleni za nedoločen čas A ne za celo sončno leto!!

ITALIA
DS2021_Italiano

ROMÂNIA
DS2021_Rumeno

SLOVENIJA
DS2021_Slovenio


CHIAMA, SUNAȚI AICI, KDO LJUBI
Udine
– Gobbo Stefano 331.6461275
– Longo Giovanni 337.1576642
Pordenone
– Menegoz Andrea 338.7853911
– Molaro Maria Angela 334.6645620
Gorizia Trieste
– Marco Savi 333.6580833
striscione

Aumenta la preoccupazione tra i 220 dipendenti del Consorzio Agrario FVG

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO, Consorzi Agrari

Segretari regionali di FAI CISL e FLAI CGIL ed i Rappresentanti sindacali ritengono costruttivo l’approdo “della partita” attinente al Consorzio Agrario del Friuli Venezia Giulia in un’Aula istituzionale. Precisamente all’interno della II Commissione regionale e che vi abbia partecipato anche l’Assessore regionale all’agricoltura Stefano Zannier.

MV2020-11-20 In questa Sede, i vertici consortili del FVG hanno esposto quanto già evidenziato alle Strutture Sindacali nell’incontro tenutosi con il Consorzio Agrario a Basiliano il 20 ottobre us.
“Riunione dove è stato ribadito la necessità di avere – commentano i Segretari regionali di FAI Cisl e FLAI Cgil Claudia Sacilotto e Alessandro Zanotto – i necessari elementi di garanzia occupazionale per i 220 lavoratori e contemporaneamente tutte le indispensabili traiettorie sul futuro organizzativo e professionale delle persone assunte in consorzio.
Senza sosta: su questi caposaldi sindacali continueremo a batterci!!
Nella stessa occasione di confronto abbiamo chiesto di conoscere il Piano Industriale che tanto si parla in queste settimane e ribadito l’importanza del mantenimento dell’autonomia gestionale dell’agricoltura regionale.”

Continuano Sacilotto e Zanotto: “è evidente la percezione che il mondo agricolo regionale sia spaccato su questa operazione “di aggregazione” e l’accelerata impressa in questi ultimi giorni per coinvolgere anche il nostro territorio al Progetto nazionale non aiuta di certo ad attenuare le tensioni che si diffondono tra le lavoratrici e i lavoratori del Consorzio Agrario che temono per il loro futuro.”

Il non potersi incontrare in assemblea sindacale, per le previste attuali norme di sicurezza, amplificano le angosce del momento.
Ma i Segretari regionali di FAI CISL e FLAI CGIL Sacilotto e Zanotto rassicurano i lavoratori, che in questa che oramai è diventata quasi una competizione tra una visione centralista dello sviluppo agricolo e quella locale, sono dapprincipio in prima linea per pretendere e chiedere, come previsto da Contratto Nazionale, relazioni industriali efficaci, diritti ad informazioni descrittive, chiarezza e trasparenza non solo sulle Linee Generali del Piano ma anche sulle realistiche ricadute del progetto sul territorio, condizioni queste capaci di assicurare garanzie occupazionali e professionali ai dipendenti del Consorzio ma anche dedite ad allargare una visione completa del settore nell’interesse di tutti i lavoratori e le lavoratrici delle aziende che vi gravitano intorno.

“Per questo – concludono Claudia Sacilotto e Alessandro Zanotto –è necessario che il mondo agricolo abbia la capacità di avviare un confronto d’insieme, attento e costruttivo, che risponda effettivamente alle vere esigenze, la cui gestione se allontanata dal territorio non abbia altre logiche.”

operai agricoli

DECRETO RISTORI, LA FAI CISL SCRIVE AL GOVERNO: “CONFRONTO URGENTE SU MISURE PER I LAVORATORI AGRICOLI”

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO

ROMA, 12 NOVEMBRE 2020 – “Il Decreto Ristori contiene lacune inaccettabili, primo perché esclude i lavoratori agricoli dall’indennità di mille euro, riconosciuta a tante altre categorie, poi perché contempla l’accesso alla cassa integrazione ma non prevede alcuna proroga per la Cisoa, la cassa integrazione salariale operai agricoli.
operai agricoli Inoltre, il trattamento di malattia per Covid-19 viene decurtato dalle giornate di lavoro degli assunti a tempo determinato, che rappresentano il 90% dei lavoratori agricoli: una norma che incide negativamente sul calcolo della disoccupazione agricola, con gravi ricadute su questo ammortizzatore sociale, fondamentale per quasi un milione di lavoratrici e lavoratori del settore. Chiediamo al Governo di approfondire la questione e porre rimedio a queste gravi mancanze, provvedendo, già con i prossimi immediati interventi, a rifinanziare integrazioni al reddito anche per i lavoratori agricoli, visto che certamente non navigano nell’oro e viste le misure adottate a sostegno delle imprese”.

Lo ha detto il Segretario Generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, intervenendo al comitato esecutivo del sindacato agroalimentare, riunitosi oggi in videoconferenza.

“Nella confusione attuale – ha aggiunto il sindacalista – chiediamo risposte chiare a Governo e Inps, anche per evitare che lavoratrici e lavoratori agricoli siano oggetto di attenzione da parte di faccendieri e sciacalli travestiti da rappresentanti dei lavoratori”.

La Fai Cisl ha scritto al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alle Ministre Catalfo e Bellanova, chiedendo un confronto sulle misure per i lavoratori agricoli. Nella lettera, la norma sul bonus viene denunciata come “un grave errore che, in discontinuità con quanto messo in campo con precedenti provvedimenti, tramite i quali sono state riconosciute opportune indennità anche ai lavoratori agricoli, discrimina una categoria da sempre in prima linea, anche in piena emergenza, nel garantire la produzione di beni di prima necessità per l’intera comunità nazionale”. “Chiediamo un confronto urgente – conclude il sindacato nella nota – per provvedere a rifinanziare integrazioni al reddito anche per i lavoratori agricoli e a porre rimedio alle gravi lacune segnalate”.

Close Up Of Farmer Using Digital Tablet On Organic Farm

CCNL per i Quadri e gli impiegati Agricoli: continuano le trattative

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO

Il 4 Novembre si è tenuto – in remoto – l’incontro tecnico per affrontare il rinnovo del CCNL dei Quadri e Impiegati Agricoli, scaduto il 31.12.2020. Le parti presenti all’incontro si sono dimostrate disponibili a proseguire le trattative con l’obiettivo di arrivare ad una chiusura del rinnovo, pur in una situazione di difficoltà dell’intero Paese.

Le OO.SS. hanno comunicato alle controparti l’intesa di non procedere alla costituzione di un nuovo ente bilaterale per i quadri e gli impiegati, ma di trovare all’interno dell’ente già costituito per gli operai agricoli, le soluzioni tecniche che permettano di favorire gli strumenti della bilateralità.

Sono stati affrontati i seguenti temi:

ferie solidali, l’articolo è stato oggetto di approfondito confronto e nella prossima riunione del 23 novembre ci auguriamo di trovare un testo condiviso;
– previdenza complementare, è emersa la volontà comune di favorire il più possibile la crescita di questo strumento;
– commissione sulla Classificazione, si riunirà il 5 novembre in maniera di poter presentare il 23 c.m. un documento su cui confrontarsi.

Sono state quindi confermate le date:
– del 23 novembre in sede tecnica, e
– del 3 dicembre, eventuale incontro in plenaria.

Sarà nostra premura tenerVi aggiornati sull’andamento del negoziato.

Segreteria regionale FAI CISL FVG

operai agricoli

Avviate le trattative per il rinnovo del Contratto Regionale degli Operai Agricoli e Florovivaisti

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO

In data 17 settembre 2020 le Segreterie Regionali di FAI-Cisl, FLAI-Cgil e UILA-Uil del Friuli Venezia Giulia hanno presentato alle controparti di Confagricoltura, Coldiretti e Cia la piattaforma per il rinnovo del Contratto Regionale di Lavoro dei dipendenti agricoli e florovivaisti della nostra regione, scaduto il 31 dicembre 2019, relativa al periodo 1° gennaio 2020 – 31 dicembre 2023.

Le Organizzazioni Sindacali hanno illustrato tutti i contenuti della piattaforma rivendicativa, che nella nostra Regione interessa circa 20.000 lavoratori di cui l’90% con contratto a tempo determinato.

Un rinnovo che, per le OO.SS, intende offrire maggiori tutele per le lavoratrici ed i lavoratori in termini di welfare contrattuale, di sicurezza e tutela della salute, ma altresì maggiori opportunità di sviluppo per le Aziende perché, riteniamo si possa rilanciare il lavoro anche attraverso un contratto innovativo.

Confagricoltura, Coldiretti e Cia hanno ascoltato con attenzione e da subito hanno dimostrato maggiore sensibilità su alcuni temi, riservandosi di darci una prima risposta, dopo aver svolto una consultazione al loro interno. Alla luce di quanto sopra non è stata definita nessuna data per aggiornare il tavolo delle trattative. Sarà comunque nostra premura tenervi aggiornati sugli sviluppi.

IMG-20200713-WA0012

#CPLDAY#16luglio: SI’ AL LAVORO TRASPARANTE E REGOLARE NO A CAPORALATO E SFRUTTAMENTO

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO

oltre 17.000 lavoratori agricoli attendono il rinnovo contrattuale
Vogliono forse sancire definitivamente che il settore agricolo è INFERIORE?
NON GLIELO PERMETTEREMO !!!
Non si scherza sulla pelle delle lavoratrici e dei lavoratori.


IMG-20200713-WA0012 Le Federazioni regionali di FAI-Cisl, FLAI-Cgil e UILA-Uil del Friuli Venezia Giulia unitamente ai propri territori aderiscono all’iniziativa messa in campo dal livello nazionale – CPL DAY – con l’intendimento di dare un input positivo al rinnovo della contrattazione regionale/provinciale che interessa oltre 17.000 lavoratori agricoli e florovivaisti della nostra regione distribuiti su circa 2.200 Aziende.

FAI Cisl, FLAI Cgil e UILA Uil chiedono alle controparti l’avvio delle trattative per il rinnovo del Contratto Regionale per gli operai agricoli e florovivaisti scaduto il 31.12.2019; va ricordato infatti che in questo settore la contrattazione è strutturata su due livelli: nazionale e regionale/provinciale e che entrambi i livelli sono regolatori economici.

Il settore agricolo e florovivaistico occupa oltre 20.000 dipendenti nella nostra regione; di cui l’80% con contratto a tempo determinato causa la stagionalità e le diverse fase lavorative che abbisognano di personale qualificato, precisamente 6.650 a Udine, 5.600 a Pordenone 2.500 a Gorizia e 360 a Trieste. Dopo l’invio della piattaforma rivendicativa, le Segreterie Regionali di Fai, Flai e Uila, chiedono di avviare le trattative per illustrare i principali temi contenuti nel documento e dare risposte alle Lavoratrici e Lavoratori che proprio in questi mesi di emergenza sanitaria hanno dimostrato l’essenzialità PRIMARIA del lavoro agricolo.

Prodotti agricoli di qualità esigono contrattazione di qualità: un rinnovo indispensabile per valorizzare la professionalità dei propri addetti, capace di una visione innovativa sia nei metodi che nei processi produttivi, in grado di esaltare la responsabilità etica delle imprese verso il lavoro e l’ambiente. Favorendo così la trasparenza e tracciabilità della legalità del lavoro, volta a contrastare il fenomeno dell’intermediazione illecita di manodopera e dello sfruttamento, promuovendo la rete del lavoro agricolo di qualità in applicazione della legge 199/2016, c.d. legge sul Caporalato, fortemente voluta dalle OO.SS., nata per contrastare i fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura. Purtroppo non siamo estranei – anche nella nostra regione – a segnalazioni di lavoro irregolare e il Decreto per l’emersione lo sta dimostrando, attendiamo comunque i dati finali per le valutazioni complessive.

Un rinnovo che non ha solo l’obbiettivo dell’incremento retributivo a salvaguardia del potere di acquisto, ma vuole porre le basi per un rilancio del settore primario della nostra regione creando i presupposti per l’aumento delle professionalità dei suoi addetti, maggiori tutele per le lavoratrici ed i lavoratori, in termini di welfare contrattuale, di sicurezza e tutela della salute ma altresì maggiori opportunità di sviluppo per le Aziende perché si può rilanciare il lavoro attraverso il rilancio del contratto.

Per affrontare questa stagione della complessità, FAI Cisl, FLAI Cgil e UILA Uil vogliono mantenere nei nostri territori alta l’attenzione sul tema del LAVORO, delle dimensioni del produrre e dei diritti al centro del dibattito.

Per sostenere l’importanza del rinnovo contrattuale metteremo in campo, un ampio programma di assemblee sui posti di lavoro al fine di informare capillarmente tutti i lavoratori sui contenuti della piattaforma rivendicativa.

È importante far sapere ai cittadini quanto è fondamentale l’intreccio tra società civile e lavoro in agricoltura. Il CONTRATTO DI LAVORO, il DIRITTO alla sicurezza alimentare e la TUTELA del territorio sono per noi irrinunciabili.

Segreteria reg.le FAI CISL FVG, Segreteria reg.le FLAI CGIL FVG, Segreteria reg.le UILA UIL FVG

immigrati

DECRETO RILANCIO, FAI CISL: BENE REGOLARIZZAZIONE, MISURA DI CIVILTÀ

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in AGRICOLO, Allevatori, PESCA

L’articolo 103 del decreto-legge 19 maggio 2020, n.34 (Decreto Rilancio) ha previsto la possibilità:

– per il datore di lavoro italiano o straniero di sottoscrivere un nuovo rapporto di lavoro subordinato o di dichiararne uno irregolarmente instaurato con cittadini italiani o stranieri presenti sul territorio nazionale prima dell’8 marzo 2020;
– per gli stranieri con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019 di chiedere un permesso di soggiorno della durata di sei mesi.

Non è previsto un click day: le domande possono essere presentate dal 1°giugno al 15 luglio.

SETTORI DI ATTIVITÀ
Agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e altre attività connesse.

Emersione

Clicca qui e scarica in pdf