CONSORZIO BONIFICA CELLINA MEDUNO: quale futuro ?

Scritto da FAI Cisl FVG on . Postato in Consorzi di Bonifica



COMUNICATO STAMPA
FAI CISL – FLAI CGIL – UILA UIL

SEGRETERIE REGIONALI del Friuli Venezia Giulia e provinciale di Pordenone


Giovedì 21 settembre u.s. l’Assemblea dei Lavoratori, convocata dalle segreterie di Fai Cisl, Flai Cgil e Filbi Uil, ha subordinato il parere positivo sul P.O.V. (piano di organizzazione variabile) presentate dalla deputazione consortile in data 23/08/2017, se si terranno conto delle osservazioni emerse e inoltrate unitariamente alla Direzione Consortile.

cbcm Durante il dibattito è stata sottolineata la necessità di avere maggior trasparenza sulla struttura operativa consortile, tale da poter delineare in maniera più chiara le diverse ‘caselle’ in cui Lavoratori e Lavoratrici verranno posizionati per le loro mansioni, legate ovviamente alle attività e alle funzioni a cui sono preposti, alla luce anche della riduzione dell’organico di otto lavoratori, di cui quasi la metà in ruoli apicali.

L’Assemblea dei Lavoratori ha comunque sottolineato che l’equilibrio finanziario, a cui deve tendere l’Ente, non può essere ricondotto solo alla riduzione del costo del personale, visto che alcune funzioni chiave non possono essere compresse, ma si rende quanto mai necessario proseguire anche sulla revisione di alcuni centri di costo. Ha anche rilevato l’esigenza di recuperare entrate con il proseguo sulla messa a ruolo progressivo della Bassa Pordenonese. Non sono mancati, durante l’assemblea rilievi sulla necessaria attivazione delle opere progettate e già finanziate e l’urgente necessità di chiudere la parte amministrativa delle opere già realizzate, altrimenti ci potrebbe essere il rischio della restituzione dei finanziamenti.

Le OO.SS., durante il dibattito, hanno evidenziato l’urgenza che gli impegni assunti in sede di incontri sindacali dai vertici del Consorzio, sull’intero piano di risanamento, siano attuati in tempi celeri perché non si giunga anche per il bilancio 2017 ai disavanzi del 2015 e 2016. Quanto poi apparso sulla stampa locale, relativo alle motivazioni sulle dimissioni del Collegio dei revisori dei conti, ha creato ulteriore apprensione sui presenti per il futuro dell’Ente e quindi del loro lavoro.

Ovviamente non è condivisa la possibilità, come si vocifera, dell’arrivo di un Direttore generale con contratto part-time in un momento in cui l’Ente per il suo rilancio, necessiterebbe più che mai di una presenza a tempo pieno; oltre alla presenza di un Direttore amministrativo – posto vacante da qualche mese – per tutte le incombenze rimaste al palo.

In sintesi, l’Assemblea dei lavoratori chiede una nuova progettualità con obiettivi precisi e attuabili.

Al termine dell’Assemblea le OO.SS, preoccupate per la situazione complessiva, hanno riconfermato la richiesta di un incontro con l’Assessore regionale all’agricoltura, Cristiano Shaurli, finora disattesa, non solo per notificargli la situazione ma per conoscere gli impegni della Regione per un vero rilancio del Consorzio di Bonifica Cellina Meduna.

Per le OO.SS
Menegoz Andrea